fogliolina Ciliege sotto spirito

E’ la stagione giusta per preparare le ciliege da offrire agli amici durante l’inverno, anzi bisogna affrettarsi perché questo magnifico  frutto che è per me l’essenza dell’estate sta finendo. Ho seguito una ricetta che mi pare d’aver trovato sul sito Ricette di cucina del Corriere lo scorso anno . In questa versione, si può anche bere il liquore in cui sono macerate le ciliege visto che non è eccessivamente alcolico.

ciliege sotto spirito

1 kg duroni di Vignola

350 ml alcool alimentare 95°

700 ml acqua

200 gr zucchero

1 pezzetto di cannella ( circa 6 cm)

 

Versare lo zucchero nell’acqua e lasciar cuocere a fuoco medio finché si è del tutto sciolto.

Nel frattempo sciacquare e asciugare bene le ciliegie , accorciando leggermente il picciolo.

Versare le ciliegie in vaso capiente di vetro a chiusura ermetica, aggiungere l’alcool, il pezzetto di cannella e lo sciroppo di acqua e zucchero raffreddato.

Chiudere ermeticamente e lasciar riposare per almeno 40 giorni, mescolando di tanto in tanto.

Versare le ciliege e il loro liquore  in vasetti più piccoli e comodi da servire o da regalare

 

 

 

fogliolina Ricottine ai fiori eduli

Ho piantato un piccolo nasturzio sul balconcino di casa che fa tantissimi fiori e dato che è anche bello e buono da mangiare col suo sapore piccantino, mi sono divertita a preparare queste ricottine. La forma e la dimensione possono anche essere diverse…come finger food vanno bene le dimensioni di un cioccolatino mentre qui io ho usato la forma di una mini ciambella ed è diventato il piatto principale insieme a fette di pane integrale e insalata mista.

Anche la ricotta, che comunque come scelta rimane piuttosto leggera, può essere sostituita con un altro formaggio spalmabile a scelta come un caprino ( meglio se di vera capra) o della robiola o del labnè, facile da preparare la sera prima con lo yogurt greco. L’idea insomma è quella di fare una presentazione diversa dal solito soprattutto in un buffet offerto agli amici

ricottine ai fiori eduli

per 6 ricottine

 

400 gr di ricotta vaccina

10 fiori di nasturzio

una manciata di erbette miste: cipollina finocchietto basilico…

una decina di capperi dissalati

sale,pepe bianco o di Sichuan qb

2 fette di pane secco integrale

olio evo 5 o 6 cucchiai

6 pomodorini secchi sott’olio

6 fiori di lavanda per la decorazione

 

Setacciare la ricotta, condirla con un paio di cucchiai d’olio e il trito preparato con le erbette ( tenendone da parte un po’ per la decorazione finale)  , 4 fiori di nasturzio e i capperi dissalati. Insaporire con un po’ di pepe bianco, assaggiare ed eventualmente aggiungere anche del sale.

Spennellare 6 stampi da muffin ( io ho utilizzato quelli da mini ciambella per ottenere una forma bucata al centro) con dell’olio evo e sul fondo distribuire regolarmente i 6 nasturzi tenuti da parte separando i petali per poterli disporre meglio .

Riempire delicatamente le formine con la ricotta pressando sul fondo per non avere vuoti, ricoprirle con pellicola alimentare e mettere in congelatore per circa un’ora per poi poterle estrarre più facilmente dagli stampi.

Nel frattempo grattare il pane raffermo cercando di ottenere delle briciole piuttosto grossolane, tagliare i pomodori secchi a listarelle e far tostare tutto insieme in una padella antiaderente con un pochino d’olio.

Capovolgere le ricottine sul piatto da portata, decorarle con le briciole di pane e pomodorini tostati, le erbette fresche avanzate e il fiore di lavanda. Servirle a temperatura ambiente con fette di pane tostato

 

 

 

fogliolina Mini croissant alle mele e caramello salato

Facilissimi da preparare questi mini croissant sono anche buoni e belli da presentare per un tè, una colazione o un brunch. Avevo ancora in casa dei vasetti di caramello salato acquistati la scorsa estate in Bretagna e dato che la combinazione con le mele è fantastica, ecco qua! Se non avete in casa il caramello salato potete prepararlo velocemente, sul web ci sono parecchie ricette che però non ho ancora provato, oppure potete sostituirlo con una “crema” di miele e burro (a temperatura ambiente ) ottenuta amalgamando questi due ingredienti in pari quantità con una piccola frusta.

mini croissant alle mele e caramello salato

per 6/8 croissant

 

1 rotolo di pasta sfoglia rotonda

1 mela golden

6/8 cucchiaini di caramello al burro salato

1 tuorlo d’uovo

zucchero di canna qb  da spolverizzare

 

Accendere il forno statico a 190° .

Srotolare la pasta sfoglia e con una rondella suddividerla in 6 o 8 spicchi. Sbucciare e togliere il torsolo alla mela , suddividere anche questa in spicchi di grandezza proporzionale alla grandezza degli spicchi di sfoglia.

Posizionare ogni spicchio di mela sulla base larga dei triangoli di sfoglia lasciando quasi un cm di bordo libero soprattutto sui lati in modo che la mela non fuoriesca. Posizionare su ogni spicchio di mela un cucchiaino di caramello salato quindi cominciare ad arrotolare i croissant partendo dalla base larga con la mela. Fatto un primo giro sigillare il bordo laterale premendo con le dita per non far fuoriuscire il caramello durante la cottura poi continuare ad arrotolare fino alla punta del triangolo.

Disporre delicatamente i mini croissant su una teglia rivestita di carta forno e spennellarli con il tuorlo sbattuto, poi  spolverizzare con zucchero a velo.

Infornare in forno già caldo per circa 20 minuti o comunque finché sono diventati dorati

fogliolina Crema di limoncello

Ci sono poche cose da dire….è il liquore che mi riesce meglio e quello che ha più successo tra gli amici. Lo preparo appena mi arrivano i limoni dalla Sicilia a fine inverno anche se so che andrebbero utilizzati quelli di Sorrento. In ogni caso devono essere bio visto che si utilizza solo la parte esterna della buccia!

Ps. Nella ricetta originale che riporto qui ( e di cui non ricordo proprio la provenienza) , si prevede il latte intero. Io invece preferisco quello ad alta digeribilità.

crema di limoncello

 

5 limoni non trattati

1/2 litro d’alcol puro alimentare

1/2 kg di zucchero semolato

1/2 bacca di vaniglia

1 litro di latte fresco intero ( io uso quello ad alta digeribilità)

 

Preparazione:

Lavare e sbucciare i limoni prelevando solo la parte esterna gialla ( non il bianco che è amaro).

Versare in un vaso ermetico di vetro molto capiente l’alcool e le bucce di limone, chiudere e far macerare il composto per 30 giorni, in un luogo buio e asciutto.

Trascorso il tempo di macerazione, filtrare il liquido che avrà preso il profumo del limone e metterlo da parte.

In una pentola versare il latte e la polpa della bacca di vaniglia e portare a bollore. Versare lo zucchero, mescolare per 1 minuto, poi spegnere il fuoco e lasciar raffreddare. Quando il latte è ben freddo unirlo all’alcol, mescolare e versare la crema ottenuta nelle bottiglie che vanno poi tenute in frigo.

Volendo si può conservarne una in freezer fino al momento di servire. Agitare bene il limoncello prima di versarlo nei bicchieri

 

fogliolina Crackers integrali ai semi e spezie

Uno snack super salutare per spezzare i momenti di fame, piuttosto energetici ma con pochi grassi. Io ho messo una minima quantità di sale e forse potevo abbondare con le spezie ma di certo ognuno può aggiustare il sapore come crede. A me sono piaciuti molto, a mio marito meno ( così me li sono finiti tutti!)

Creckers integrali ai semi e spezie

100 gr farina grano saraceno

100 gr farine miste sapori antichi di mulino marino: enkir, farro, segale e kamut

Farina qb x tirare l’impasto

2 cucchiai semi di chia

1 cucchiaio di gomasio

1 cucchiaio raso di semi di lino

1 cucchiaino di curcuma

1/2 cucchiaino di curry

1/2  ”   ”            Di rosmarino in polvere

160 ml di acqua tiepida

2 cucchiai di olio evo + 2 circa x spennellare

Sale qb

1/2 cucchiaino di bicarbonato

 

Mettere i semi di chia nell’acqua tiepida per circa mezz’ora

Mescolare le farine e le spezie insieme a metà del gomasio, ai semi di lino, a un pizzico di sale, al bicarbonato e all’olio. Aggiungere i semi di chia ammollati e impastare . Eventualmente aggiungere altra acqua o farina per avere un impasto morbido e liscio.

Lasciar riposare in frigo per mezz’ora

Accendere il forno statico a 180 gradi.

Col mattarello stendere l’impasto sottile, tagliare a losanghe irregolari, disporle su teglia con carta forno e bucare coi rebbi forchetta. Spennelllare con olio e poi daistrubuire altro gomasio in superficie

Infornare per 15/20 minuti

 

© Copyright 2014 Dall'orto al piatto - Credits Anyway Milano