Cartoccio di alici alla salicornia

Mi capita raramente di trovare la salicornia al banchetto del pesce ma quando la trovo non posso fare a meno di acquistarla, soprattutto dopo il viaggio di quest’estate in Bretagna dove era quasi presenza fissa in numerosi piatti. Ne avevo già parlato in altri miei post…ma repetita juvant: la salicornia, che potremmo scambiare per un’alga dal colore verde brillante, è in realtà una pianta acquatica, chiamata anche asparago di mare, che vive nelle  zone dunali costiere. Molto saporita e ricca di iodio, dona una nota fresca, sapida e croccante ai piatti di pesce. Qui l’ho voluta abbinare con delle alici stemperando i sapori piuttosto accentuati dei due ingredienti principali, con strati di patate in una cottura al cartoccio veloce e salutare.

cartoccio di alici, patate e salicornia

 

per 4 cartocci

30/35 alici deliscate e aperte

2 manciate abbondanti di salicornia fresca

2 o 3  patate

1 limone

2 cucchiai di prezzemolo tritato

1 cucchiaio abbondante pangrattato

olio evo, sale qb

 

Per prima cosa far lessare a metà cottura le patate intere e con la buccia ( io non le pelo mai perché mi sembra rimangano più saporite e più asciutte), scolarle sbucciarle e tenerle da parte.

Sbucciare il limone e tagliarlo prima a rondelle e successivamente a dadini, scartando i semi. Sciacquare velocemente la salicornia e farla asciugare su un canovaccio.

Mescolare il pangrattato con il prezzemolo.

Preparare 4 fogli rettangolari di carta forno di cm 40 x 30 cad. e sul fondo di ognuno, al centro,  versare un cucchiaio d’olio ca e uno strato di patate tagliate piuttosto sottili salandole leggermente.

Sopra le patate disporre 3 o 4 alici pulite e asciugate, un pizzico di sale, una spolverata di pangrattato con prezzemolo e qualche dadino di limone poi coprire con un po’ di salicornia. Fare un altro strato di patate e continuare con le alici, il pangrattato e prezzemolo,il limone e la salicornia. Completare con olio a filo e chiudere il cartoccio con dello spago da cucina.

Infornare in forno già portato alla temperatura di 180° per 10 minuti circa

Leave a comment


Name*

Email(will not be published)*

Website

Your comment*

Submit Comment

© Copyright 2014 Dall'orto al piatto - Credits Anyway Milano
Privacy Policy | Cookie Policy