Crostoni alla ricotta, agretti e speck

Mi piacciono molto gli agretti ( Salsola soda è il loro nome botanico) chiamati anche Barba del frate, col loro sapore deciso e lievemente acidulo . La loro stagione sta finendo e li ho acquistati credo per l’ultima volta quest’anno. Ne ho cucinato un po’ come contorno e con la parte avanzata ho pensato a questa bruschetta, o crostone, perfetta come assaggio gustoso quando non si ha voglia di un vero e proprio pranzo. L’abbinamento con la ricotta secondo me funziona bene perché aggiunge dolcezza mentre lo speck dona croccantezza. In dimensioni più piccole può essere proposto come appetizer rustico per una serata all’aperto.

crostoni alla ricotta, agretti e speck

 X 8 crostoni

 

4 fette intere di pane rustico tipo pugliese

2 confezioni di ricotta vaccina o di bufala

1 mazzetto di agretti

1 spicchio d’aglio

1 cipollotto ( facoltativo)

8 fette di speck

1 pizzico di sale e pepe di sichuan o bianco

Qualche goccia di succo di limone

Olio evo qb

 

Lavare bene gli agretti e tagliare la parte finale con le radichette. Farli scolare dall’eccesso d’acqua e versarli in una pentola antiaderente dove si era fatto saltare velocemente uno spicchio d’aglio  in poco olio. Far cuocere gli agretti a fiamma non troppo alta e coperti per 10 minuti circa evitando che asciughino troppo ( eventualmente aggiungere un cucchiaio d’acqua) Verso la fine insaporire con qualche goccia di limone e un pizzico di sale aggiustando le dosi in base ai propri gusti. 

In un’altra padella antiaderente far scaldare un cucchiaio d’olio, far appassire il cipollotto tritato ( facoltativo) e unire la ricotta facendola  insaporire velocemente  per uno o due minuti.  Salare e pepare in base ai propri gusti.

Spennellare leggermente le fette di pane tagliate a metà con l’olio ed abbrustolirle da ambo i lati su una piastra ben calda. Tagliare a metà le fette 

Sulla stessa piastra calda far abbrustolire le fette di speck senza olio finché sono diventate croccanti 

Comporre i crostoni spalmando la ricotta e completando con gli agretti e lo speck

Leave a comment


Name*

Email(will not be published)*

Website

Your comment*

Submit Comment

© Copyright 2014 Dall'orto al piatto - Credits Anyway Milano
Privacy Policy | Cookie Policy