Gazpacho quasi classico

E’ arrivato il caldo torrido e non se ne parla proprio di accendere i fornelli. Il gazpacho, che in Andalusia bevono molto freddo aggiungendo anche del ghiaccio come fosse un cocktail, ci risolve il pranzo o la cena con qualcosa di veloce,salutare e fresco. Io l’ho servito come se fosse una zuppa, ma solitamente va presentato in bicchiere, soprattutto se si se si pensa di offrire una cena in piedi o un aperitivo. Nella ricetta originale, di cui ve ne sono comunque infinite varianti, insieme alle verdure si frulla anche della mollica di pane bagnata in acqua e aceto. Ognuno può preparare la propria versione quindi!gazpacho quasi classico

  x 4 persone

1 cetriolo grande o 2 piccoli

1 peperone grande giallo o rosso

4 pomodori ramati belli maturi

1 cipolla di tropea

12 capperi dissalati

un rametto di finocchietto, 1 cucchiaio di erba cipollina tritata

una punta di peperoncino piccante

1 pezzetto di ricotta salata

2 cucchiai di olio evo + quello da versare a filo sui piatti

1/2 bicchiere di aceto bianco + 1 cucchiaio

sale, pepe bianco

Tagliare la cipolla e metterla in ammollo in acqua e aceto bianco per circa mezz’ora. Far abbrustolire il peperone su una piastra bella calda rigirandolo su tutti i lati e tenendolo preferibilmente coperto con un pezzetto di stagnola. Farlo poi raffreddare in un sacchetto di carta chiuso per poterlo spellare facilmente. In un robot da cucina mettere il peperone spellato e tagliato a pezzetti insieme al cetriolo sbucciato,alla cipolla scolata dalla salamoia, ai pomodori senza semi a tagliati anche loro a pezzi, ai capperi dissalati, alle erbette, al peperoncino (la quantità dipende dai propri gusti), all’olio e a 1 cucchiaio di aceto bianco. Frullare e aggiustare di sale . Se si vuole un consistenza più vellutata mettere tutti gli ingredienti un un contenitore alto e frullare con un frullatore a immersione. Eventualmente passare anche al colino per togliere l’acqua in eccesso. Lasciare il gazpacho  in frigo fino al momento di servire. Decorare con qualche scaglia di ricotta salata, un pizzico di pepe di sichuan e un filo d’olio extravergine.

Leave a comment


Name*

Email(will not be published)*

Website

Your comment*

Submit Comment

© Copyright 2014 Dall'orto al piatto - Credits Anyway Milano
Privacy Policy | Cookie Policy