Mini piadine di enkir

Ho scoperto da poco la farina di enkir, che non è altro che un farro monococco originario delle regioni tra Turchia e Iran dove pare se ne trovi ancora allo stato selvatico. Un cereale antico, forse proprio il primo ad essere coltivato dall’uomo già diecimila anni prima di Cristo. Resistente alle malattie, capace di crescere in condizioni critiche e ricco di proprietà organolettiche …sembra proprio che abbia un sacco di qualità. In Italia viene coltivato in alcune zone dell’ Alta Langa, a 500 m sul livello del mare per sfruttare i terreni poco produttivi. Lo consigliano per tutte le panificazioni che non necessitano ( o molto poco) di lievitazione. Io ho provato l’enkir prodotto dal Mulino Marino e ne ho fatto queste piccole piadine che ho gustato ancora calde con la crescenza. Ottime e veloci da preparare!

Mini piadine di enkir

Mini piadine di enkir

 

100 g di farina di enkir

45 ml circa di acqua

1 cucchiaio d’olio evo

un pizzico di sale

 

Niente di più facile; in un recipiente si mescolano la farina, il sale, l’olio e l’acqua finché si è formato un impasto morbido e liscio. Se fosse troppo appiccicoso aggiungere ancora un po’ di farina. Formare delle palline di 3 o 4 cm di diametro e stenderle col mattarello ad uno spessore di circa due millimetri su una spianatoia leggermente infarinata .

Scaldare molto bene una padella antiaderente ( meglio se col fondo spesso) a fiamma vivace e cuocere le piadine un paio di minuti per lato.

Sono buonissime se mangiate ancora calde, altrimenti conservarle in un panno asciutto e consumarle in giornata.

Leave a comment


Name*

Email(will not be published)*

Website

Your comment*

Submit Comment

© Copyright 2014 Dall'orto al piatto - Credits Anyway Milano
Privacy Policy | Cookie Policy