Pan brioche alla zucca ( o quasi)

Da quando ho assaggiato il pan brioche alla zucca di Eataly non ho più pensato ad altro che cercare di prepararlo a casa. Nel web si trovano parecchie ricette ma quale di queste ha un risultato accettabile? Alla fine sono partita da una ricetta dolce e l’ho trasformata in una salata , quindi massimo cambiamento, aggiustandola a naso durante il procedimento. Incredibilmente il risultato è stato superiore alle aspettative ma può essere ancora migliorato. La prossima volta metto più sale e più semi e magari faccio una versione al curry.

Pur non essendo un classico pan brioche , che richiederebbe anche due o tre uova nell’impasto e più burro, è rimasto morbido per due o tre giorni…forse si sarebbe anche mantenuto più a lungo ma l’ abbiamo finito in fretta.

pan brioche alla zucca

 

Con queste dosi sono riuscita a preparare il pane in cassetta della foto e un altro filoncino un po’ più piccolo che ho finito subito prima degli scatti. Se non si volesse usare lo stampo da plumcake come ho fatto io, si possono preparare tante sfere di 8/10 cm da disporre vicine sulla teglia .

Impasto:

500 gr mix di farine “Sapori antichi” di Mulino Marino

250 gr di zucca già lessata

60 gr di burro

210 ml latte

1 cubetto da 25 gr lievito di birra

8 gr di sale ( circa 2 cucchiaini rasi )

1 cucchiaino raso di zucchero di canna

 

Per la copertura:

1 uovo

1 manciata di semi di zucca

2 cucchiaini rasi di semi di cumino ( o cumino in polvere)

2 cucchiaini di semi di sesamo

 

Intiepidire il latte e farvi sciogliere il lievito di birra.

Ridurre a purea la zucca lessata e ben scolata ( io l’ho fatta cuocere a vapore) e unirla alla farina in una ciotola capiente insieme al latte col lievito e al burro sciolto a bagnomaria . Impastare bene con le mani poi aggiungere il sale continuando ad impastare. Se l’impasto fosse troppo appiccicoso e umido aggiungere un po’ di farina, se troppo compatto aggiungere del latte. Tutto dipende da quanto è umida la zucca quindi è difficile essere molto precisi nelle dosi. L’impasto alla fine  deve essere molto morbido e anche leggermente appiccicoso.

Coprire con un telo e mettere in luogo tiepido ( io l’ho messo vicino al calorifero)  per un paio d’ore a lievitare…l’impasto deve più che raddoppiare.

Oliare uno stampo da plum cake grande ( o due piccoli), in alternativa rivestirlo con carta forno e disporvi l’impasto , spennellare con l’uovo sbattuto e distribuire uniformemente i semi. Lasciar riposare ancora mezz’ora e poi infornare in forno già portato alla temperatura di 180 gradi.

Cuocere per 45 minuti circa se lo stampo è grande e 35/40 minuti se sono stati usati due stampi più piccoli.

Leave a comment


Name*

Email(will not be published)*

Website

Your comment*

Submit Comment

© Copyright 2014 Dall'orto al piatto - Credits Anyway Milano
Privacy Policy | Cookie Policy