Ramen nippo italiano

Il clima novembrino, l’esigenza di svuotare la dispensa perché sto per iniziare lavori di ristrutturazione in casa (aiuto!) e la voglia di un piatto asiatico mi hanno fatto pensare a questa ricetta di ramen, piatto tipico giapponese che si sta facendo conoscere anche da noi. Si tratta di noodle in brodo a cui vengono aggiunti ingredienti vari, o unicamente vegetali oppure completati con carne o pesce. Un piatto unico insomma in cui si utilizzano noodle ( simili ai nostri spaghetti o tagliatelle ) di frumento fatti a mano, che io non avevo ed ho sostituito con spaghetti di Gragnano forse eccessivamente grossi per questo utilizzo. Per il resto avevo in casa una confezione di funghi shiitake secchi, dalle ottime proprietà organolettiche e dal sapore decisamente orientale, del petto di pollo avanzato come sempre dal polletto allo spiedo comperato al mercato, e del peperoncino fresco non eccessivamente piccante oltre a salsa di soia portatami proprio dal Giappone e dell’olio di sesamo. Beh, il risultato non mi è affatto dispiaciuto pur ammettendo che un piatto di ramen originale non l’ho mai provato. Del resto non sono affatto una purista e mi piacciono le contaminazioni, per cui eccovi la ricetta del mio ramén nippo italiano! Le varianti possono essere infinite.

ramen nippo italiano

Per 2 persone

25 gr funghi shiitake

1/2 petto pollo arrosto

4  cucchiai soia

1 peperone semi piccante fresco

Noodle freschi 70 gr ( ii ho usato gli spaghetti di grano duro)

Zenzero fresco

1 cucchiaio olio sesamo

 

Mettere in ammollo i funghi in acqua calda per almeno un ora.

Preparare un brodo con 1,5 l di acqua, la salsa di soia, l’olio di sesamo ed eventualmente del sale. Dopo un paio di minuti dal bollore aggiungere i noodle.

Strizzare i funghi e tagliarli a fettine eliminando la parte dura del gambo. Pulire il peperoncino ed eliminare i semi, tagliarlo a rondelle sottili.

Qualche minuto prima che i noodle siano cotti aggiungere i funghi, metà del peperoncino e  un po’ di zenzero fresco grattugiato.

A fine cottura aggiungere il resto del peperoncino.

Servire nelle ciotole completando con fettine di petto di pollo tenuto a temperatura ambiente.

Si dovrebbero mangiare utilizzando le bacchette, bevendo poi il brodo dalla tazza.

Leave a comment


Name*

Email(will not be published)*

Website

Your comment*

Submit Comment

© Copyright 2014 Dall'orto al piatto - Credits Anyway Milano
Privacy Policy | Cookie Policy