Stufato di cavolo nero, carciofi e piselli

Non pensavo,  ma l’abbinata cavolo nero, carciofi e piselli è davvero azzeccata. Ho preparato questo stufato di verdure nella mia slow cooker, che mi aiuta nelle ricette  lente che imposto prima di uscire e che posso dimenticare finché rientro qualche ora dopo.

Naturalmente la stessa ricetta si può ottenere con una casseruola normale, stando attenti a tenere bassa la temperatura e controllare di frequente le verdure per non farle asciugare troppo.

Questo insolito stufato di verdure dal gusto sapido bilanciato tra il dolce e l’amarognolo terroso, è perfetto come contorno per accompagnare carni bianche o come condimento per la pasta integrale.

 

Per 4 persone

2 carciofi

1 tazza di piselli decongelati

1 cespo di cavolo nero

1 porro piccolo

2 spicchi d’aglio

1 tazza di brodo vegetale

2 cucchiai d’olio evo

sale, pepe bianco qb

 

Se usate la slowcooker:

Togliere la costa centrale al cavolo nero, lavarlo, asciugarlo e tagliarlo a pezzetti di qualche centimetro. Pulire i carciofi, togliendo le foglie esterne, le punte e la paglietta centrale. Lavarli in acqua acidulata con limone e tagliarli a spicchi molto sottili.

Versare due cucchiai d’olio nella slowcooker con i due spicchi d’aglio vestiti, unire i carciofi a spicchi, i porri tagliati a rondelle, i piselli freschi o decongelati e il cavolo nero. Aggiungere anche la tazza di brodo vegetale e mescolare. Mettere il coperchio e impostare la pentola in modalità LOW e 3 ore di cottura.

Al termine togliere gli spicchi d’aglio e regolare di sale e pepe.

 

Nella casseruola normale:

Procedere alla preparazione delle verdure come sopra. Far rosolare gli spicchi d’aglio nella casseruola con l’olio poi toglierli. Aggiungere le verdure, farle rosolare pochi minuti a fiamma piuttosto viva sempre mescolando poi aggiungere la metà del brodo. Mettere il coperchio e abbassare la fiamma. Controllare via via la cottura aggiungendo altro brodo appena le verdure si asciugano tenendole sempre coperte e a fiamma bassa. Dopo 30/40 minuti dovrebbero essere pronte.

Regolare di sale e pepe.

Leave a comment


Name*

Email(will not be published)*

Website

Your comment*

Submit Comment

© Copyright 2014 Dall'orto al piatto - Credits Anyway Milano
Privacy Policy | Cookie Policy