Torta piemontese al cioccolato e castagne

Una torta golosissima a base di castagne, cioccolato, amaretti…prodotti tipici del territorio piemontese. E’ infatti è da questa regione che arriva la ricetta che io ho però modificato un po’.

In questo dolce, al posto della farina di frumento, si usa quella di castagne, ottenuta dalle castagne bollite e tritate. Dato che non avevo in casa la quantità sufficiente ( 300 gr) ,le ho sostituite in parte con anacardi. E al posto del latte vaccino ho utilizzato quello di mandorle, così come il burro l’ho sostituito con olio di riso ( che uso frequentemente nei dolci per il suo sapore neutro).

É un dolce molto ricco, profumato, godurioso…e molto “calorico”! Quindi attenzione, ma con questo freddo in fondo ci vogliono anche delle coccole calorose.

Ps. La prossima volta metto un po’ di rum anche nell’impasto

 

150 gr castagne bollite e tritate

150 gr di anacardi tritati

75 gr zucchero

100 gr. di cioccolato fondente

3 uova

150 ml di latte di mandorle

40 gr di olio di riso

un pizzico di sale

una bustina di lievito per dolci

bustina di vanillina o aroma di vaniglia

6-8 amaretti sbriciolati

Per il topping

100 gr d cioccolato fondente

3 cucchiai di rum

 

Accendere il forno statico a 180 gradi.

Tritare le castagne bollite e raffreddate ( senza buccia) e gli anacardi in un mixer per ricavarne una farina.

A parte sbattere le uova con lo zucchero finché si forma una crema chiara.

Far sciogliere il cioccolato in microonde o a bagnomaria e aggiungerlo al composto di uova e zucchero insieme all’olio. Continuando a mescolare per amalgamare uniformemente gli ingredienti, versare a poco a poco anche la farina di castagne e anacardi, gli amaretti sbriciolati, il lievito e il latte, fino ad ottenere un impasto morbido e soffice.

Aggiungere poi la bustina di vanillina (o aroma di vaniglia)e un pizzico di sale.

Versare il composto in una teglia da 24-26 cm rivestita  con carta forno e cuocerlo nel forno portato a temperatura  per 30 min circa.

Fare comunque la prova stecchino per verificare la cottura e lasciarla raffreddare.

Servirla con un topping di cioccolato sciolto a bagnomaria e mescolato con rum. Oppure col mio liquore al cioccolato che ho postato poco tempo fa

Leave a comment


Name*

Email(will not be published)*

Website

Your comment*

Submit Comment

© Copyright 2014 Dall'orto al piatto - Credits Anyway Milano
Privacy Policy | Cookie Policy