Vellutata viola di cavolo cappuccio

Bellissimo il colore, buonissimo il sapore. ..del cavolo cappuccio viola mi piace davvero tutto! Solitamente lo mangio a crudo, nelle insalate miste o da solo condito con olio , sale e una spolverata di cumino passato al macinapepe. Ma mi piace anche cotto, sia semplicemente stufato come contorno sia trasformato in vellutata come in questa ricetta.

Grande potere antiossidante ( è  ricco di vitamine, in particolare B e C, di calcio, fosforo e potassio) ma  povero di calorie , lo rendono un alimento da consumare in gran quantità. E io non mi tiro certo indietro!

L’unica pecca è il cattivo odore durante la cottura  ( dovuto all’ isotiocianato di metile), a cui si può ovviare in parte cuocendolo in pentola a pressione.

Qualche nota botanica: il cavolo cappuccio viola, Brassica oleracea “Capitata” var. Rubra, appartiene alla vasta famiglia delle cruciferae come verze, cavolini di bruxelles, cavolo nero, broccoli…

vellutata di cavolo viola

 

per 4 persone

 

1 cavolo cappuccio viola

1 mela starck o delicious

2 scalogni

4 cucchiai di aceto di mele

50 gr di robiola

1 bicchiere di vino bianco

Sale, pepe nero qb

1/2 cucchiaino  di paprika affumicata ( o forte)

2 cucchiai olio e.v.o

 

 

Togliere dal cavolo le prime foglie dure, lavarlo e tagliarlo a listarelle. Sbucciare la mela e tagliarla a fettine così come  lo scalogno. Farli rosolare  il tutto in una casseruola insieme ad un paio di cucchiai di olio, aggiungere la paprika e sfumare con l’aceto di mele e il vino bianco. Quando la parte alcolica è evaporata, aggiungere dell ‘acqua calda a filo e un pizzico di sale grosso. Coprire e lasciar cuocere x 40 minuti circa ( in pentola a pressione dimezzare i tempi). A fine cottura frullare con frullatore a immersione e aggiustare eventualmente di sale.. Impiattare con una piccola quenelle di robiola al centro . Aggiungere un pizzico di pepe bianco e un filo d’olio e.v.o a crudo

Leave a comment


Name*

Email(will not be published)*

Website

Your comment*

Submit Comment

© Copyright 2014 Dall'orto al piatto - Credits Anyway Milano
Privacy Policy | Cookie Policy